Fabrica

CONTACT & BOOKING

LABEL – OCTOPUS RECORDS

GIUSEPPE@OCTOPUSRECORDS.IT

“Bar Sayonara” è il secondo lavoro della band campana Fabrica, in uscita l’11 maggio 2018 per Octopus Records e con la produzione artistica di Giuseppe Fontanella (24 Grana). Dodici brani per fotografare in dodici istantanee l’epoca in cui viviamo, raccontandola attraverso gli occhi e il cuore delle persone, tra pennellate di suono raffinate ed aperture taglienti.

ASCOLTA IL DISCO

SAYONARA – VIDEOCLIP UFFICIALE

BON VOYAGE - VIDEOCLIP UFFICIALE

BIOGRAFIA

“Bar Sayonara” è il secondo album dei Fabrica, registrato e mixato al K-lab Studio di Giugliano (NA) ed in arrivo a maggio 2018. Dodici brani sospesi tra cantautorato, momenti acustici e raffinate aperture elettriche, per raccontare il mondo in cui viviamo senza giudicarlo. L’odio e l’amore verso la provincia, momenti in cui tutto sembra perdersi ed altri in cui torna la voglia di rimboccarsi le maniche ed anche la fortuna sembra girare per il verso giusto. A completare il tutto, la produzione artistica di Giuseppe Fontanella (24 Grana).

“Questo disco ha iniziato a prendere forma subito dopo la fine del tour del nostro precedente lavoro, nel nostro “casone” che funge da sala prove. – raccontano i Fabrica -. L’inserimento di un nuovo elemento all’interno della band ha portato in maniera naturale ad un cambio di sound, frutto in parallelo di una nostra ricerca verso una dimensione più scura ed asciutta. Dopo la pre-produzione ci siamo affidati a Giuseppe Fontanella, che ha curato la produzione artistica del disco: anche grazie alla sua esperienza e al feeling che si è creato siamo riusciti a trovare una dimensione sonora che ci piace e ci identifica. Un punto fermo dei momenti legati alla creazione di questo album è stato il Bar Sayonara, giù all’angolo della nostra sala prove, dove prendevamo il caffè e che serviva anche come pausa tra una sessione e l’altra di prove. Quando abbiamo iniziato a pensare al nome da dare a questo lavoro ci siamo detti di volere qualcosa di ironico e spensierato, anche per esorcizzare un po’ le atmosfere scure del disco. A quel punto ci siamo resi conto che il bar stesso era finito tra le righe di alcuni dei nostri testi ed abbiamo pensato che era ben più di una semplice routine per noi, così il “Bar Sayonara”, che ha visto crescere il disco, ne è diventato anche il titolo”.

CHI SONO I FABRICA?

I Fabrica sono Michele, Gennaro, Eros e Pietro, vengono dalla provincia di Caserta e costruiscono canzoni. Michele, Gennaro ed Eros cominciano a suonare insieme nell’ottobre del 2011 e nel 2012 esce il loro primo ep autoprodotto “Sogni in scatola istruzioni per l’uso”. Nel 2013 vincono il contest “Campania Sonic Lab”, che permette al gruppo di produrre il primo disco, “Come vento in faccia” e di ottenere un contratto con la Octopus Records di Giuseppe Fontanella (24 Grana). All’uscita del disco segue un lungo tour, che vede tra l’altro gli opening a Riccardo Sinigallia, Pier Cortese, Thegiornalisti, Linea 77 ed Ex-Otago, solo per citarne alcuni. Dopo oltre 50 date, nel settembre del 2015 i Fabrica suonano al _reset Festival di Torino, una tra le più importanti rassegne di musica indipendente nazionale. Nel gennaio del 2016 si unisce alla band Pietro, quarto elemento che arricchisce e completa la formazione, ed i quattro cominciano la pre-produzione del nuovo lavoro discografico. Passano il 2017 al K-lab Studio di Giugliano (NA) per le sessioni di registrazione del disco. A maggio 2018 esce il loro secondo album “Bar Sayonara” targato Octopus Records e prodotto artisticamente da Giuseppe Fontanella. Dopo l’uscita del secondo disco, la band passa l’estate a suonare in diversi festival campani, tra cui lo Scampia Music Fest, in apertura dei Ministri. Il 23 aprile 2018, in anteprima su Rockerilla, esce “Sayonara”, il primo videoclip tratto dal secondo lavoro della band, prodotto da UBIA. Il video è stato selezionato per la VideoclipSession del XX edizione del Napoli Film Festival, insieme a 84 videoclip provenienti da tutto il mondo. Il 29 marzo 2019 è uscito il video ufficiale di “Bon Voyage” realizzato dal regista Stefano Poletti. Nell’arco della sua carriera, Poletti ha prodotto diversi videoclip musicali, collaborando con band dal calibro dei Baustelle, Tre Allegri Ragazzi Morti e The Zen Circus.

RECENSIONI

“Il secondo della band campana è un album eterogeneo in bilico tra folk e rock, tra apertura, sospensioni e introversioni, tra intenzioni pop, testi e arrangiamenti curati, ipotetici singoli e un timbro riconoscibile. I momenti di raccoglimento sono forse gli episodi più toccanti; su tutti Buonvento e il suo bell’intreccio vocale. L’attenta produzione artistica è di Giuseppe Fontanella dei 24 Grana.”

Rumore

“Disco che esplode dalla provincia per insabbiarsi nelle profondità dei sentimenti in un vortice di benedizioni e di bisogni, di falsi miti, di false aspettative rinfrancate con l’arrivare della sera, il caldo ad abbracciare, il caldo che consola per costringere la realtà a prendere parte di noi e a raccontare quello che non è mai stato scritto ancora.”

IndiePerCui 

“Non è chiaro un solo genere musicale nell’album, ma i Fabrica spaziano tra cantautorato, musica acustica e punte elettroniche con la dimestichezza di chi non ha paura di osare e provare gusti e tendenze diverse.”

Music Coast To Coast 

“Bar Sayonara, nient’altro che il nome del bar a due passi dalla sala prove dei 4 ragazzi campani, è un album di 12 tracce di indie-rock melodico e malinconico. I testi ci raccontano estratti di vita di ognuno di noi, la difficoltà di prendere decisioni importanti, la necessità di non arrendersi mai nonostante le difficoltà. Questi i temi principali trattati da Michele, Gennaro, Eros e Pietro nel loro disco.”

The Festival’s BackPack 

“Un gruppo che canta in italiano ed è originale sin dalla struttura delle canzoni che hanno strofa e ritornello come nella classica forma canzone, ma le melodie e le velocità cambiano di continuo rendendo il disco sorprendente dall’inizio alla fine.”

Newsly.it 

“Pubblicata l’11 maggio scorso per Octopus Records, l’opera è composta da dodici tracce di stampo indie-rock dal sapore malinconico. Mi sia concessa la sinestesia parabolica. Lo stile non è di facile decodifica e gli stessi Fabrica, sulla loro pagina Facebook, alla voce “genere musicale” rispondono con un generico, quanto stiloso, “Canzoni”. Non credo sia possibile identificare un’etichetta migliore, anche perché sono completamente d’accordo.”

Scè 

“C’è un progresso in questo secondo album dei Fabrica, quartetto della provincia di Caserta. Aiutati dalla produzione di Giuseppe Fontanella dei 24 Grana, riescono ad assorbire un ventaglio di influenze significativo, dal post punk allo shoegaze, calandole in un contesto di canzoni che, pur non risultando il massimo dell’originalità, hanno una buona sostanza. Bel sound delle chitarre, ritmica a posto, forse la voce dovrebbe essere un po’ più arrabbiata per lasciare maggiormente il segno. Tuttavia, paiono sulla buona strada.”

Blow Up 

“I dodici brani che compongono il disco vanno a disegnare un quadro del ‘mondo che gira intorno’, oltre che dentro alla band (anche i testi sono risultato di un lavoro collettivo, di tre dei quattro membri); si parla certo della propria interiorità, ma si allarga lo sguardo, alle “rovine di una generazione”, a uomini disposti a scelte difficili, a una provincia – nel caso dei Fabrica, quella di Caserta -amata e odiata.”

Crampi2

“Buona la mescolanza di sensazioni che i Fabrica mettono in campo, in un disco spesso ricco di scrittura accurata e di punte di intensità.”

TRAKS 

LIVE

10/05/19  Piccola Libreria 80mq (Calvi Risorta)

07/05/19  Kestè (Napoli)

30/03/19  Radio Zar Zak (Caserta)

28/03/19  Unplugged (Caserta)

11/10/18  Monkey (Battipaglia)

06/10/18  Balconica (Futani)

28/09/18  Matuta (Santa Maria Capua Vetere)

14/09/18  Scampia Music Fest – opening act dei Ministri (Napoli)

28/07/18  Altura Festival (Bisaccia)

27/07/18  Lido Stella Maris – Astromare (Castelvolturno)

18/05/18  Club 33 Giri (Caserta)

13/05/18  DiscoDays (Napoli)